Tag

, , , , , ,

A novembre, prima di vedere per la prima volta New York, scrissi una piccola letterina a Londra, dicendole questo: «Non devi preoccuparti di niente. Perché non importa quante New York incontrerò nella mia vita: tu sarai sempre il mio alleluja».

Ebbene, mentivo. Tra l’altro sapendo di mentire, cosa anche peggiore.
Ero certa che New York fosse là ad aspettarmi da tutta la vita (come io aspettavo lei e l’America) e quando ci sono sbarcata in effetti è stato come se per la prima volta mi trovassi, finalmente, dalla parte giusta dell’oceano Atlantico; nel lato giusto del mondo.

Sapevo anche, però, che non appena tornata da là, appena fosse stato possibile, sarei dovuta venire qua. Perché? Perché se trovi l’amore della tua vita è giusto farsi travolgere e scapparci, con quell’amore lì. Ma anche dopo aver incontrato l’amore gigante della vita dovrai pur tornare ogni tanto a trovare la tua mamma. No?

Sono amori diversi, ma sempre amore enorme è. So I’m back where it all started: back to you mommy London. Back to you mother England.


20140419-004729.jpg


Scritto a Notting Hill in data 18 aprile 2014.

(Questa quassù è la vista dalla mia camera).