Tag

, , , ,

20140308-135142.jpg


Premettendo che sono una vecchia rincoglionita e che ormai mi metto a piangere come una fontana anche solo cercando una sua foto, perché questa donna mi emoziona talmente tanto che le emozioni appunto rompono gli argini e mi si catapultano fuori, in faccia, voglio fare tanti auguri a tutte voi, rappresentanti di uno dei due sessi di cui si compone il genere umano, e augurarvi anche un’altra cosa: di poter essere sempre e senza paura ciò che fa di una donna una donna, di non cedere mai all’illusione che si sia più forti rinunciando alla femminilità.
Oriana Fallaci per tutta la sua vita fu la regina dei giornalisti, l’unico giornalista italiano conosciuto e lodato in tutto il mondo, e non ci fu un giorno, uno solo, in cui dimenticò di mettere l’eyeliner. Ce l’aveva in Vietnam sotto le bombe, ce l’aveva a Città del Messico quando fu ferita dalla polizia e quasi morì.
Non dimenticate mai che potete essere il più grande giornalista italiano al mondo (il, non la, perché era più grande anche dei maschi, era il più grande giornalista punto) e mettervi l’eyeliner tutte le mattine, potete essere dei draghi ed essere anche bravissime a cucinare, fare i muffin, i soufflé, la pizza, il risotto alla milanese con l’ossobuco e cose ancora più complicate. Potete urlare come pazze allo stadio e nonostante questo avere una passione per i tulipani e le viole. Potete essere l’unica al mondo a cui Pai Mei ha insegnato la tecnica dell’esplosione del cuore con cinque colpi delle dita, essere la più brava di tutti a combattere con la spada speciale di Hattori Hanzō, e, al contempo, essere anche e soprattutto una mamma, come Beatrix Kiddo – Black Mamba. Possiate non dimenticare mai che siete femmine, onorare quelle che hanno lottato prima di noi perché potessimo vivere almeno un po’ come i maschi («Forse sarò già morta quando succederà, ma sono certa che un giorno le donne potranno PERSINO votare», cit. Maggie Gyllenhaal in Hysteria), e non scordare o smettere mai di onorare ciò che essere femmine significa: una cosa in più, non in meno.