Tag

, , , , , , , ,

Conversazione n° 1 – La prima volta dell’amico maschio (s’avevano circa diciassett’anni).
Amico B: “Sai, è successo, l’altra sera”
Sottoscritta: “Cosa?”
Amico B: “Come cosa, quello”
Sottoscritta: “Ah! Oddio”
Amico B: “L’abbiamo fatto”
Sottoscritta: “Quando?”
Amico B: “L’altra sera”
Sottoscritta: “Sei proprio uno stronzo!”
Amico B: “?”
Sottoscritta: “Avevi detto che mi avresti fatto uno squillo!”
Amico B: “…”
Sottoscritta: “Avevamo fatto un patto, io e te! Ci eravamo promessi che, quando fosse successo, ci saremmo fatti uno squillo!”
Amico B: “Vale se te lo faccio adesso?”
Sottoscritta: “No che non vale! Doveva essere subito dopo!”
Amico B: “Ah… Mi dispiace… Hai ragione, me ne sono dimenticato”
Sottoscritta: “Bravo, complimenti”
Amico B: “Scusami”
Sottoscritta: “Io te l’avrei fatto”
Amico B: “…”
Sottoscritta: “Beh… Pazienza. Sei uno stronzo, ma pazienza. Com’è stato?”
Amico B: “Uh, oh, ah… Ecco… Beh. Non so, sai? Mi aspettavo qualcosa di meglio. Nel senso… Tutto ok eh. Però lei era così… Non so dire come… Mi è praticamente saltata addosso. Non lo so…”
Sottoscritta: “Ah”
Amico B: “Però dopo non è stato male”
Sottoscritta: “Come dopo?”
Amico B: “Sì, dopo, nella doccia”
Sottoscritta: “…”

Conversazione n° 2 – Le avventure del giovane compagno di classe.
Compagno L: “Ho scritto un sms a una ragazza, le ho chiesto se si ricordava di me”
Compagne: (coretti vari) “Dai! E cosa ti ha risposto?”
Compagno L: “Sì, mi ricordo di te. Ma soprattutto mi ricordo del tuo culo”.

Conversazione n° 3 – La mia prima non-sigaretta (un capodanno liceale in montagna; personaggi: sottoscritta, compagno Nicolò, compagno Alessandro; location: sotto un pino).
Compagno N: “Quando vuoi provare dimmelo, ma non fare come per la prima sigaretta-sigaretta”
Sottoscritta: “Cioè?”
Compagno N: “Eri ridicola. Tossicchiavi e non prestavi attenzione”
Sottoscritta: “Che palle”
Compagno N: “Che palle lo dico io. Questa volta, poi, la cosa è più seria. Muoviti, mettiamoci sotto il pino”
Sottoscritta: “Bene, sono pronta”
Compagno N: “Tieni, prendi, aspira bene”
Sottoscritta: “Sì, sto aspirando. Credo”
Compagno N: “Bene così, vai”
Compagno A: “Cosa fate lì sotto?”
Compagno N: “Fumiamo, perché? Vieni anche tu”
Compagno A: “No è che… Sotto quel pino io ci ho appena pisciato”.

Conversazione n° 4 – Domande a bruciapelo in classe.
Compagno N: “Oh, state tutti zitti un attimo, devo sottoporvi una questione a carattere sociologico”
Classe: “…”
Compagno N: “Voi vi masturbate? Sinceri”.

Conversazione n° 5 – L’annuncio dell’assemblea d’Istituto, unica occasione per noi pulzelle di vedere i rispettivi Oggetti dei Desideri per un’intera mattinata.
Rappresentante d’Istituto (entrato in classe ad ammonirci): “E insomma, vi vogliamo tutti presenti domani, si discuterà di temi della massima rilevanza, ormai la scuola italiana è allo sfacelo, il nostro liceo poi cade a pezzi, si sta pensando di picchettare la sede della Provincia…”
Amica Ciaki (sottovoce): “Tu come ti vesti?”

Conversazione n° 6 – Metafore e vita di coppia di una cara compagna di classe (personaggi: sottoscritta, compagna M, una comparsa).
Sottoscritta: “E allora, con M, come va, come va? Ti vedo occhi-a-cuore!”
Compagna M: “Bene, bene! Sì sì, innamoratissima, però…”
Sottoscritta: “Però?”
Compagna M: “Eh… Sai…”
Sottoscritta: “Che cosa c’è?”
Compagna M (sguardo eloquente): “E’ che non siamo ancora riusciti…”
Sottoscritta (incapace di cogliere gli sguardi eloquenti): “Non siete ancora riusciti?”
Compagna M: “Sì, non siamo ancora riusciti (altro sguardo eloquente), sai… Ad andare al cinema
Sottoscritta: “Ah!”
Compagna M: “Sì, non c’è ancora stato modo di… Anche per una questione di tempi… Lui poi ha sempre allenamento e torna tardi, arriva stanco”
Sottoscritta: “Beh ma… Non potete andare al secondo spettacolo?”
(La comparsa si allontana).
Compagna M: “Franci!!! Ma insomma! Il cinema era una chiara metafora!”
Sottoscritta: “…”
Compagna M: “Sì, una metafora! Non mi andava di dirlo davanti a Cosa!”
Sottoscritta: “Oddio, ho capito, ora ho capito! Abbi pazienza…”
Compagna M: “Ecco…”
Sottoscritta: “E insomma niente cinema? Non ancora?”
Compagna M: “No”
Sottoscritta: “Ma niente niente? Nemmeno un po’ di tivù?”
Compagna M: “Nemmeno”
Sottoscritta: “Eh ma che noia!”
Compagna M: “Già”.

Conversazione n°  7 – I soprannomi dati ai nostri Oggetti dei Desideri (s’era ancora al ginnasio).
Amica Ciaki: “Sai che la mia amica I. mi ha detto che frequenta abbastanza spesso degli amici, e tra questi amici c’è Snoopy
Sottoscritta: “Oddio!”
Amica Ciaki: “Sì, e una sera lui ha riaccompagnato una di queste, e poi lei ha detto ad I, e lei l’ha detto a me, che insomma lui l’ha baciata e palpeggiata anche abbastanza, così, dal nulla!”
Sottoscritta: “Oddio!”
Amica Ciaki: “Ma appunto, è proprio un coglione. Lascialo perdere”
Sottoscritta: “Che vuoi che ti dica… Cercherò di ricominciare a pensare ad Icaro
Amica Ciaki: “Fai bene”
Sottoscritta: “E tu con Casper? Come va ultimamente?”

Conversazione n° 8 – Le malmostosità del compagno M. di fronte al cicaleccio femminile.
Sottoscritta: “Hai visto Icaro sull’autobus, di recente?”
Compagno M: “No, non mi pare”
Sottoscritta “…Mhhh. Ma non lo prende più?”
Compagno M: “Boh”
Sottoscritta: “Sai cosa? Magari viene in macchina”
Compagno M: “E venga come cazzo vuole”.

Conversazione n° 9 – In morte di Norberto Bobbio.
Professoressa di filosofia: “Oggi è una giornata un po’ diversa…”
Classe: “Perché?”
Professoressa: “Ieri è morto Norberto Bobbio”
Compagna E: “Ah, è vero…”
Sottoscritta: “Davvero?”
Compagno M: “Insomma, un nostro collega è venuto a mancare…”
Amica Ciaki ad amica Meri (sottovoce): “Ma non bisognerà prendere appunti, vero?”